Disoccupazione, in Italia 1,9 mln giovani disoccupati

Confartigianato, sede di Treviso

ROMA – Il rapporto della Confartigianato (presentato oggi in occasione dell’entrata in vigore della riforma dell’apprendistato) evidenzia come la crisi pesi soprattutto sulle spalle dei giovani: tra il 2008 e il 2011 gli occupati under 35 sono diminuiti di 1.130.000 unita’, pari a -15,6%. La flessione in Italia e’ doppia rispetto all’eurozona dove il calo e’ stato del 7,1%. Ed e’ sempre il Mezzogiorno l’area che ha registrato la maggiore perdita di occupati under 35: 371.000. Ma all’Italia dei giovani disoccupati – evidenzia l’organizzazione degli artigiani – si affianca un Paese che invece di lavoratori ha veramente bisogno. E’ Milano la ‘capitale’ dell’Italia interessata a offrire lavoro ai giovani sotto i 30 anni. Le imprese del capoluogo lombardo infatti prevedono di assumerne 49.350 entro fine anno. Seguono nella classifica delle province con le maggiori opportunita’ di lavoro, Trieste, Bologna, Rimini e Firenze. Agli ultimi posti con le minori chance un gruppo di citta’ del Mezzogiorno: Reggio Calabria, Foggia, Vibo Valentia, Messina e Benevento. Secondo la Confartigianato, l’apprendistato si conferma una strada privilegiata per avvicinare i giovani al mondo del lavoro. In Italia gli apprendisti sono oltre 530.000 e tra i giovani con lavoro dipendente, il 19,5% e’ occupato con questo tipo di contratto. In particolare, evidenzia ancora il rapporto, l’artigianato e’ il settore con la maggiore vocazione all’utilizzo dell’apprendistato: 194.495 gli apprendisti occupati nelle aziende artigiane, il 31,6% del totale. Il 12,5% delle assunzioni nelle imprese artigiane avviene attraverso l’apprendistato. E’ la Lombardia la regione con il piu’ alto numero di apprendisti: 89.940, seguita dal Veneto (65.500), il Lazio (52.190). ”La riforma dell’apprendistato voluta dal ministro Sacconi che entra in vigore proprio oggi e la misura del decreto sviluppo sulla decontribuzione per gli apprendisti – commenta il presidente di Confartigianato Giorgio Guerrini – potranno contribuire a rilanciare questo contratto e a ridurre la distanza tra i giovani e il mercato del lavoro. Da un lato i ragazzi potranno trovare nuove strade per imparare una professione, dall’altro le imprese potranno formare la manodopera qualificata di cui hanno necessita”’.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.