Crediti alle imprese, spazio ai minibond

NAPOLI (di Attilio Iannuzzo – Il Mattino) –  Si tiene oggi il 37° congresso dell’Andaf, l’associazione nazionale direttori amministrativi e finanziari, a Castel dell’Ovo, un incontro per esaminare la situazione economica nazionale tuttora critica su temi importanti quali il credito, il fisco ed il lavoro. Il Presidente dell’Andaf Fausto Cosi ritiene il congresso un’occasione importante di incontro e di riflessione. Presidente perché ha scelto Napoli per questo meeting?

Fausto Cosi«Napoli è una piazza importante dove ritengo ci sia grande cultura manageriale e scambio di esperienze importanti; tra le nostre sedi regionali, quella campana ha molti iscritti ed abbiamo ritenuto necessario valorizzare le risorse di questa regione». Meno tasse, ma soprattutto meno burocrazia per agevolare la crescita? «Sarebbe un buon risultato, in quanto le difficoltà che le aziende incontrano quotidianamente sono notevoli e tutto ciò sta portando il paese ad una desertificazione industriale. Ormai assistiamo da 5 anni a delle complessità a cui le aziende non riescono a rispondere, sia per il calo di fiducia che per la diminuzione dei consumi». Una delle priorità è l’accesso al credito, cosa propone? «Penso sia necessario trovare delle soluzioni nell’immediato se solo consideriamo che il 90% del debito delle imprese è bancario. Ritengo si debba guardare con interesse alla finanza alternativa ed ai minibond, una forma di finanziamento per le piccole e medie imprese alternativo a quello delle banche». In un momento di investimenti carenti e disoccupazione in crescita, si prevede dunque un cambio di rotta? «Non solo si prevede, ma è necessario. L’incontro a Napoli sarà un’occasione perché si indichino proposte concrete per dare una vera scossa all’economia perché si possa, tutti insieme, dare un contributo». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.