Conclusasi la nona edizione de “L’Arte della Felicità”

NAPOLI (di Anna Barbato) – Anche quest’anno a Napoli, per il nono anno, si è tenuta la kermesse “L’Arte della Felicità”, organizzata da Francesca Mauro e Luciano Stella. Tema conduttore di questa edizione è stato il “desiderio”, inteso nelle sue molteplici accezioni, così come svariate sono state le iniziative realizzate. Con il magistrato Raffaele Cantone e il giurista Aldo Schiavone si è discusso, ad esempio, di “desiderio di vendetta e desiderio di giustizia, mentre nell’ambito della sezione “Dialoghi”,  riservati ad un pubblico più ristretto, con lo scrittore Maurizio De Giovanni è stato affrontato il tema del “desiderio estremo”, mentre il “desiderio di sacro” è stato al centro del dialogo con il sacerdote e psicologo Antonio Maione. Nella splendida cornice del Convento di San Domenico Maggiore, poi, i coniugi Daria Bignardi e Luca Sofri, moderati dall’esperto di comunicazione Luca Pitteri, parlando di media e comunicazione, hanno esaminato il “desiderio di esserci”.

Taxi della Felicità
Taxi della Felicità

Novità di questa edizione, tra le altre, è stato il cosiddetto “taxi della felicità”, ereditato dall’omonimo lungometraggio, già presentato alla Mostra del Cinema di Venezia e proiettato in anteprima nazionale ad apertura della manifestazione, che ha portato in giro per la città ignari passeggeri ai quali è stato chiesto, in cambio di una corsa gratuita, di esprimere pensieri e opinioni sulla felicità, diffuse, nemmeno a dirlo, mediante i social network.

Un’edizione ben riuscita, che ha portato in città una ventata di buonumore e di pensiero positivo e, come ogni anno, che un pizzico di felicità!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.