Comunità S. Egidio: in 16 anni morti a Napoli 215 senza dimora

NAPOLI – Sono 215 i senza fissa dimora morti per strada a Napoli e dintorni negli ultimi 16 anni. Persone che verranno ricordate in quattro celebrazioni liturgiche che vedranno la partecipazione di circa 250 senza fissa dimora, volontari e associazioni che operano nel settore. Per ognuno sarà accesa una candela, segno di vita, sabato 15 febbraio alle 10.30 nella chiesa di SS. Filippo e Giacomo ad Aversa e in tre appuntamenti a Napoli: domenica 16 febbraio alle 10.30 nella chiesa di san Pietro martire, in piazza Bonghi; domenica 16 febbraio alle 10.30 nella chiesa di SS. Filippo e Giacomo in via san Biagio dei Librai e sabato 8 marzo nella chiesa di S. Maria
Assunta in cielo di San Giovanni.

Clochard al riparo in metropolitana
Clochard al riparo in metropolitana

“Da sedici anni, a Napoli, la Comunità di Sant’Egidio ricorda le vittime della vita in strada, a partire dalla morte di Elisa Cariota, un’anziana senza fissa dimora, che viveva nei pressi della stazione Centrale di piazza Garibaldi, deceduta il 17 febbraio 1997. Solo nell’ultimo anno – ha ricordato Antonio Mattone, portavoce della Comunità di Sant’Egidio di Napoli – sono 22 le persone morte, tra cui Samuel, clochard deceduto lo scorso novembre che viveva nei pressi di piazza Municipio e che non ha avuto ancora sepoltura perché non è stato identificato”. Qualche giorno dopo a San Giovanni a Teduccio perse la vita Giusi, malata psichiatrica morta per il freddo, e pochi giorni fa Claudio, morto all’ospedale Cardarelli. “La Comunità di Sant’Egidio esprime la sua preoccupazione per l’aumento della povertà e per le difficili condizioni in cui vivono tanti senza fissa dimora e – ha aggiunto Mattone – lancia un appello alle Istituzioni perché vengano aperte nuove strutture di accoglienza soprattutto per i senza fissa dimora malati, la cui condizione è davvero difficile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.