Ciro Esposito,mconfermata la ricostruzione della parte civile

NAPOLI – «Ciro Esposito riuscì a bloccare De Santis poi questi prese la pistola e la puntò verso di lui sparando subito ». Una piena conferma di quanto ricostruito attraverso le indagini difensive dei legali della famiglia Esposito è emersa questa mattina, a Roma, durante l’udienza del processo per la morte del giovane tifoso napoletano.

L’udienza, cui ci si era aggiornati dopo quella del 12 gennaio scorso, è stata dedicata ad ascoltare gli ultimi testi del pubblico ministero. «Ciro Esposito – ha dichiarato un testimone – riuscì a bloccare De Santis, ebbero una colluttazione di tre quattro secondi, poi De Santis prese la pistola e la puntò verso Esposito, sparando subito. Noi scappammo, ma Ciro, mentre tentava di scappare alla vista della pistola, fu colpito e cadde a terra. Così noi ritornammo indietro per soccorrere Ciro e il De Santis puntò contro di noi la pistola, ma questa per fortuna si inceppò e trascinammo fuori il corpo di Ciro ».

Angelo PisaniE’ stato inoltre ascoltato in aula il medico del Pronto soccorso del Gemelli, dottor Logroscino, il quale ha affermato di aver visitato il De Santis prima dell’una di notte, che lo stesso e’ sottoposto anche a tac e visite specifiche, ma di non aver riscontrato ferite, tagli o sanguinamenti sulla schiena e sullo stomaco dello stesso come poi diffuso dai suoi legali . «All’udienza di oggi – dichiarano i difensori della famiglia Esposito, avvocati Angelo e Sergio Pisani e Damiano de Rosa – ancora una volta sono state confermate la tesi e le indagini difensive della parte civile. Ormai è chiaro che l’obiettivo di De Santis erano gli occupanti indifesi del pullman, donne e bambini da punire perché napoletani». «L’assalitore e i suoi complici scappati dopo gli spari – aggiungono – non si aspettavano che l’eroico Ciro con i suoi amici stessero sopraggiungendo da dietro e che avrebbero difeso le vittime predestinate. Infatti De Santis prima di attaccare il pullman aveva atteso il passaggio dei tifosi azzurri e, solo dopo aver pensato che erano già passati, cominciò a mettere in atto il suo piano criminale per colpire gli indifesi e pacifici tifosi napoletani». Prossima udienza il 4 febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.