Archivio | Spettacolo

La Reggia Designer Outlet, doppio appuntamento nel segno della musica

La Reggia Designer Outlet, doppio appuntamento nel segno della musica

NAPOLI – Un doppio appuntamento nel segno della musica d’autore a La Reggia Designer Outlet per #ModaMusica 2017.

Peppe Servillo & Solis String Quartet

Venerdì Pietro Condorelli, milanese di nascita e napoletano di adozione, è una delle più autorevoli firme del jazz italiano. Al suo fianco, per il live al Centro McArthurGlen di Marcianise (CE) si esibiranno la cantante Simona Boo, che si alterna in prestigiosi progetti tra jazz e bossa nova con il ruolo di corista dei 99 Posse, la flautista Francesca Masciandaro, il contrabbassista Domenico Santaniello e il batterista Claudio Borrelli. Un quintetto pieno di energia e tecnicamente raffinato per uno spettacolo, che va oltre il concetto tradizionale di concerto jazz e che nasce dalla voglia di trasmettere nuove emozioni e sensazioni.

Pietro Condorelli Jazz Ideas and Songs

Subito dopo l’esibizione di Pietro Condorelli, la serata continua con il concerto di Peppe Servillo & Solis String Quartet, che recuperano l’evento del 17 giugno, annullato a causa del temporale. A distanza di tre anni dall’uscita di “Spassiunatamente”, che aveva visto per la prima volta Peppe Servillo e i Solis String Quartet affrontare con dovuto rispetto capolavori della canzone classica napoletana, la scorsa estate arriva “Presentimento”, la naturale prosecuzione di un progetto che si rivela uno straordinario viaggio all’interno di un immenso panorama musicale. Da Gil a Viviani, da E.A. Mario a Cioffi/Pisano, da “Scalinatella” a “Mmiez ’o grano” a “M’aggia curà”, la lista di autori e canzoni si inseguono e si incastrano con rigore regalando uno spettacolo a 360° che tocca musica e teatro.

Completano la proposta performance jazz Daniele Scannapieco Trio (28 luglio), Mario Nappi 4et (4 agosto) e Giulio Martino 4et (11 agosto).
Il sabato spazio ai dj set Nameless Lounge (Universal).

Share

Situato in Primo Piano, SpettacoloComments (0)

Note jazz firmate Daniel Karlsson Trio per

Note jazz firmate Daniel Karlsson Trio per

NAPOLI – Venerdì 14 luglio alle ore 20 ritorna il jazz made in Sweden a Villa San Michele. La rassegna Concerti al Tramonto ospiterà sulla terrazza panoramica la band che ha fatto dell’improvvisazione e della creatività il segno distintivo della propria arte, osannata in tutta Europa: Daniel Karlsson Trio.

La formazione, capitanata dal pianista Daniel Karlsson, è composta dal contrabbassista Christian Spering e dal batterista Joakim Ekberg. Dal loro debutto, avvenuto nel 2013, una inarrestabile carriera costellata da premi e riconoscimenti, tra cui un Grammy svedese nel 2015. Grazie alla loro fiorente attività, che li ha portati alla pubblicazione di ben 4 album, ultimo dei quali, il recente “Ding Dong”, il gruppo ha girato tutta l’Europa, ottenendo critiche lusinghiere e distinguendosi come una band capace di sperimentare, superando i confini contemporanei del suono. Una musica “estroversa”, con evidenti influenze derivate dal jazz anni ’60, dal soul e dal pop, ma anche con una chiara sfumatura nordica.

La rassegna Concerti al Tramonto 2017, che si avvale anche quest’anno della consulenza musicale del pianista svedese Love Derwinger, e che fino al 18 agosto, ogni venerdì, metterà in scena artisti dal repertorio classico, jazz e contemporaneo, è organizzata dalla Fondazione Axel Munthe, con il patrocinio dell’Ambasciata di Svezia e con il contributo di Progetto Piano.

Per l’acquisto dei biglietti (prezzo concerti € 15,00; ridotto ragazzi e studenti € 5,00) basta recarsi alla biglietteria mezz’ora prima o, in prevendita, presso il bookshop del museo, tutti i giorni dalle 9 alle 18. Per chi viene da Napoli vi è la possibilità di rientro con l’ultima corsa marittima. Per informazioni: tel. 081.8371401 www.villasanmichele.eu

Share

Situato in Primo Piano, SpettacoloComments (0)

Week end in musica a La Reggia Designer Outlet

Week end in musica a La Reggia Designer Outlet

A La Reggia Designer Outlet arriva uno dei week end più attesi dello straordinario programma #ModaMusica 2017. Sabato 15 luglio, dalle 18 alle 22, in Piazza delle Palme spazio all’esplosione di suoni, colori e immagini di Love Supreme Festival, l’evento culto dell’estate inglese. Al centro McArthurGlen di Marcianise (CE), sarà la crew di vj di Antica Proietteria a miscelare gli art video made in UK con i brani della playlist global ufficiale di Love Supreme Festival.

Fabio Concato

Fabio Concato

Domenica 16 luglio, alle 19, Fabio Concato feat. Paolo Di Sabatino Trio apre il calendario di concerti jazz. In Piazza delle Palme arriveranno i suoni di “Gigi”, lavoro discografico che arriva sul mercato a maggio di quest’anno, a 5 anni di distanza dall’ultimo “Tutto qua” (2012). Un disco con cui Fabio Concato celebra i suoi 40 anni di carriera, reinterpretando in chiave jazz alcune delle sue più famose canzoni, con la complicità di Paolo Di Sabatino (arrangiamenti, piano), Marco Siniscalco (basso) e Glauco Di Sabatino (batteria). La collaborazione tra Fabio Concato e Paolo Di Sabatino inizia nel 2011, quando Di Sabatino invita Concato a partecipare al suo album “Voices”, non facendosi sfuggire l’occasione di proporgli di rivisitare una manciata di suoi successi e di vestirli con arrangiamenti e sonorità vicine al jazz acustico. Un’idea che oggi si concretizza in “Gigi”, un disco straordinario e un live sublime, costruito con i più grandi successi di Concato. In scaletta, per la performance live a La Reggia Designer Outlet, ci sono le celebri “Ti ricordo ancora”, “È festa”, “Sexy tango”, “Gigi”, “Stazione nord”, “Fiore di maggio”, “Tienimi dentro te”, “Buonanotte a te”, “Tornando a casa”, “Ti muovi sempre”, “La nave”, “Quando arriverà”, “La mia macchina”, “Rosalina”.
Venerdì 21 luglio, alle 19, doppio appuntamento con il live d’autore. In Piazza delle Palme si esibiranno Pietro Condorelli in Jazz Ideas & Song e, immediatamente dopo, Peppe Servillo & Solis String Quartet (che recuperano la data rinviata il 17 giugno scorso, causa maltempo). Completano la proposta performance jazz Daniele Scannapieco Trio (28 luglio), Mario Nappi 4et (4 agosto) e Giulio Martino 4et (11 agosto).
Il sabato spazio ai dj set Nameless Lounge (Universal).

Share

Situato in Primo Piano, SpettacoloComments (0)

Al Rangio Fellone torna la dolce vita

Al Rangio Fellone torna la dolce vita

NAPOLI – Nello storico O’ Rangio Fellone sull’iscola verde tutti re e regine per una notte: domani rivive l’atmosfera della dolce vita ischitana. La mitica rotonda cantata da Fred Bongusto, ospita il gran galà sul mare con gli attori, le attrici, i vip, i noti imprenditori protagonisti dell’Ischia Global Fest 2017. Il grande evento voluto da Eugenio Ossani, nella baia del Grand Hotel Punta Molino, trasporterà le star di Hollywood negli anni ’50 e ’60, quando nasceva O’ Rangio Fellone, suggestivo locale sul mare ideato e realizzato dall’architetto Sandro Petti e animato da Ugo Calise. Un piccolo angolo di paradiso sotto i pini, in riva al mare, la luna, scenario ideale per la sua voce e le note struggenti della sua chitarra. Poi arriva Angelo Rizzoli, O’ Rangio Fellone e l’Isola d’Ischia sono famosi in tutto il mondo, cantanti, attori americani, registi, volti noti sono di casa. E a rendere quell’atmosfera indimenticabile troviamo Roberto Murolo, Bruno Martino e Nicola Arigliano, ma anche due giovani interpreti dell’epoca: Fausto Cigliano e Peppino Di Capri.

Il Galà ispirato alla dolce vita ischitana celebra cinema e mondanità, come ai tempi dell’amore litigioso tra Liz Taylor e Richard Burton che giravano a Ischia il film Cleopatra. Una festa glamour che ricorda l’isola dei pensieri estivi di Pier Paolo Pasolini, Alberto Moravia ed Elsa Morante, Renato Guttuso e Pablo Neruda. L’isola di Luchino Visconi che confinava Helmut Berger nella sua Colombaia. Al Rangio Fellone sono attesi tanti ospiti italiani e internazionali, attori, registi, per rendere omaggio all’isola verde e a Luciano Pavarotti, a cui è dedicata la quindicesima edizione del Global Fest, a dieci anni dalla sua scomparsa. Il 12 luglio è prevista anche la proiezione speciale di ‘Yes Giorgio’ il film musicale di Franklin J. Schaffner dove compare Pavarotti attore e una sezione speciale del festival intitolata ‘Pavarotti al cinema’, con le immagini delle sue performance e i tanti contributi che ha dato a produzioni cinematografiche e televisive. C’è grande attesa nella baia Punta Molino, davanti al Castello Aragonese, per il Galà al Rangio Fellone, luogo ricco di storia, che è tornato ad animare le notti ischitane. Negli anni scorsi hanno partecipato anche Jeremy Irons, Riccardo Scamarcio, Tim Robbins, Antonio Banderas special guest anche stavolta, Valeria Golino, Lucrezia Lante Della Rovere e tanti artisti di fama internazionale. Durante la serata saranno premiati: Renato Carpentieri, Serena Rossi, Andrea Iervolino and Lady Monika Bacardi, musica live con Clementino.

Share

Situato in SpettacoloComments (0)

A Villa Buonanno di Cercola arriva il ciclone D’Angiò

A Villa Buonanno di Cercola arriva il ciclone D’Angiò

NAPOLI – Dallo scrittore De Giovanni al presidente De Luca, da De Laurentis a Mister Sarri, tutti riuniti per un appuntamento imperdibile all’insegna della comicità al relais Villa Buonanno di Cercola. “Lino D’Angiò e i suoi mille personaggi” è il titolo della serata allestita nella splendida corte dell’antica residenza, giovedì 29 giugno a partire dalle ore 20,30 (viale Buonanno, 10 Cercola).

Lino D'Angiò Tra gli imitatori partenopei più apprezzati, Lino D’Angiò ha da poco esaurito il primo ciclo di puntate del format televisivo “Made in China” sul canale Piuenne in coppia con l’amico e collega di sempre, Alan De Luca. Dalle indimenticate imitazioni di Bassolino e della sindaca Jervolino, Lino D’Angiò, da acuto osservatore della realtà partenopea, ha aggiunto altri personaggi al suo ricco carnet.

Ed ecco arrivare il presidente De Laurentis sempre in spiaggia a godersi la vita ma anche il toscano Mister Sarri e Giovanni de Maurizio, alias Maurizio de Giovanni lo scrittore giallista partenopeo, grande tifoso del Napoli calcio. E poi parodie, monologhi e canzoni. La serata prevede anche una ricca cena preparata dal resident chef di Villa Buonanno Francesco Sorrentino a cura di Laura Gambacorta con i vini di Quartum Cantine Di Criscio e i liquori dell’Antica Distilleria Petrone.

Share

Situato in SpettacoloComments (0)

Al via la nuova edizione di Concerti al Tramonto 2017

Al via la nuova edizione di Concerti al Tramonto 2017

NAPOLI – Venerdì 16 giungo alle ore 20, si alza il sipario sulla nuova stagione culturale  di Villa San Michele, casa museo del medico e scrittore Axel Munthe, circondata dal giardino, eletto nel 2015il parco più bello d’Italia.

Musica e danza in un mix perfetto per il primo atteso appuntamento della rassegna Concerti al Tramonto 2016, che vedrà protagonista l’apprezzata ballerina Lilly Zetterberg, specializzata nel repertorio ispirato a Isadora Duncan, accompagnata al pianoforte da Roland Pöntinen, uno dei concertisti più apprezzati al mondo, che suonerà musiche di Chopin, Gluck, Scriabin.

Il nuovo Sovrintendente della Fondazione svedese, l’esperto di archeologia antica Allan Klynne, nominato recentemente per dirigere la struttura fino alla fine dell’anno,  sostituendo il diplomatico Staffan de Mistura, ancora impegnato come inviato speciale dell’ONU per la Siria, è orgoglioso di annunciare l’apertura della stagione culturale di Villa San Michele.

La rassegna Concerti al Tramonto 2017, è solo una delle iniziative organizzate e promosse dalla Fondazione Axel Munthe, che si avvale anche quest’anno della consulenza musicale del pianista svedese Love Derwinger, e che fino al 18 agosto, ogni venerdì, metterà in scena, grazie al contributo di Progetto Piano e con il patrocinio dell’Ambasciata di Svezia, artisti internazionali dal repertorio classico, jazz e contemporaneo.

Il 23 giugno, nell’antica cappella, il giovane e virtuoso duo composto dal violoncellista Josef Alin e dal pianista Pontus Carron, eseguirà brani di Schnittke e Beethoven. Il 30 giugno, si conferma e consolida per il terzo anno consecutivo, la partnership con il Teatro di San Carlo: Cecilia Laca (violino) e Marco Scolastra (pianoforte) saranno impegnati in un recital dedicato a Mozart, Chausson e Tchaykovsky. Per la prima volta sul palcoscenico di Villa San Michele, venerdì 7 luglio sarà di scena un vero e proprio musical. Direttamente da Brodway Karl Dyall e Rennie Mirro, insieme al soprano Jeanette Köhn e alla band Trio X daranno vita allo spettacolo “Happy days are here again!”, che fonde insieme i generi più diversi: dal jazz all’opera fino alle hit svedesi più famose. Sette giorni dopo  – il 14 luglio – sarà la volta della formazione capitanata da Daniel Karlsson, che riempirà la terrazza panoramica di note jazz. Si continua il 21 luglio con il baritono Fredrik Zetterström e il soprano Alexandra Büchel, che saranno accompagnati al pianoforte dal direttore M° Love Derwinger, protagonista anche dell’appuntamento successivo – il 28 luglio – in cui farà vibrare lo strumento sulle celeberrime note di Bach e Schubert. Il mese di agosto inizia con la firma dell’artista italiano Carlo Guaitoli, che regalerà al pubblico caprese una serata all’insegna degli spartiti di Chopin e Liszt. Arie d’opera per il concerto dell’11 agosto con l’eccezionale voce del contralto Anna Larsson, sul palcoscenico insieme al tenore Göran Eliasson e alla pianista Francisca Skoogh. Per chiudere in bellezza la kermesse, i gemelli Giuseppe e Giovanni Auletta, rispettivamente tenore e pianista, insieme alla flautista Ginevra Petrucci, proporranno le più belle pagine del repertorio della canzone napoletana con lo spettacolo dal titolo “I’ te voglio bbene assaje”.

Oltre al cartellone musicale, il 5 agosto sarà inaugurata la mostra “Diving what surfaces to pass through” della scultrice svedese Anneli M Fluhr fino al 20 agosto, nelle sale del Café Casa Oliv.

Inoltre, si conferma la manifestazione ”Capri, Schermi d’Arte” a cura del giornalista Paolo Spirito che giunge alla sua IV edizione. Da mercoledì 23 a sabato 26 agosto la cappella ospiterà momenti di grande cinema sotto le stelle nel segno di Liliana Cavani, cui è dedicata una retrospettiva e a cui verrà consegnato il Premio Axel Munthe alla carriera, e una serata omaggio intitolata al regista Giuseppe Patroni Griffi.

Per l’acquisto dei biglietti (prezzo concerti € 15,00; ridotto ragazzi e studenti € 5,00) basta recarsi alla biglietteria mezz’ora prima o, in prevendita, presso il bookshop del museo, tutti i giorni dalle 9 alle 18. Per chi viene da Napoli vi è la possibilità di rientro con l’ultima corsa marittima. Per informazioni: tel. 081.8371401 www.villasanmichele.eu

Share

Situato in SpettacoloComments (0)

Mister Universe Top male Model Campania

Mister Universe Top male Model Campania

NAPOLI (di Valentina Capuano)  – Si chiama Carmine Volpicelli il vincitore dell’ultima tappa campana di mister Universe Top male model Campania, svoltasi domenica 11 giugno presso gli studi televisivi di Italia Mia.
Sedici le giovani bellezze maschili in gara , tra i quali selezionati tra i cinque finalisti anche : Ciro Vargas, Carlo Segreto, Heurys De Oleo e Alfredo Capuano.

Un concorso sempre più prestigioso Mister Universe top male model Campania, concorso nazionale di Davis Paganelli, “il cui patron- ha ricordato Daniela Del Prete_ è Alina Droz”, e che quest’anno ha avuto come madrina d’eccezione l’ex modella Karla Hernandez.
Un concorso importante,come sottolineato anche dai giurati,e dedicato ai giovani ragazzi che , credendo nelle loro potenzialità,potranno, attraverso impegno, e adeguata preparazione, avvalendosi anche di una piacevole presenza ,affacciarsi, con le carte giuste al mondo dello spettacolo.
Anche la tappa di ieri è stata magnificamente condotta dall’infaticabile manager Daniela Del Prete affiancata dall’eclettico Raffaele Cibelli, che, col suo irresistibile Cibelli Show ha impreziosito la magnifica serata , che ha visto alternarsi alle sfilate dei ragazzi in concorso, momenti musicali e d’intrattenimento.

Molto concentrata la giuria e combattuta nella selezione di finalisti, ragazzi giovanissimi , ma tutti dotati di corpi scultorei e di volti interessanti, tutti determinati e dal portamento sicuro: pronti ad intraprendere ,con evidente consapevolezza, come auguriamo loro, percorsi luminosi nel mondo del cinema o della moda. Tra i giurati blogger e giornalisti noti, come Alfonso Senatore, già inviato di rai Uno mattina , Lina La Mura, nota blogger, con la sua rubrica LinaStyle, il giornalista Antonio D’Addio, vicedirettore del periodico “Lo Strillo”, la manager Tania Costanzo, il noto musicista Gino Accardo, chi scrive e il noto blogger Armando Sanchez, che è stato omaggiato da un buono viaggio in occasione del suo compleanno, che ricorreva proprio ieri.
A presiedere la giuria , così composta, Gabriele Blair, conduttore e noto doppiatore: presta infatti la sua voce negli eventi Unicef e organizza inoltre eventi per l’esercito italiano, come l’ultima recente e bellissima iniziativa svoltasi a piazza del Plebiscito.
La serata, che ha visto sfilare i contendenti sia vestiti che in costume ,è stata arricchita da momenti musicali molto apprezzati: le giovanissime ballerine Exodus di Mimma Scagliarini hanno incantato il pubblico con le loro coreografiche performance in stile ispanico e gitano.
Danze orientali e di indubbio charme sono state proposte dalle ballerine di Filo Sherazade , che si sono espresse in tutto il loro fascino in sensuali danze del ventre : in entrambi i casi coreografie ricche ed abbaglianti ed abiti di scena curati nei minimi dettagli!
Anche i cantanti hanno dato il meglio di sé durante la serata: è il caso di Antonio Galeota , che ha interpretato il suo magnifico singolo intitolato : “Vai annanz” tratto dal suo cd in uscita , l’album intitolato “Umilty”.
Molto apprezzate anche le voci delle soliste Simona Costanzo, Leggi tutto

Share

Situato in SpettacoloComments (0)

«VI Napoli Capoeira Festival», evento internazionale organizzato dal gruppo “Muzenza”

«VI Napoli Capoeira Festival», evento internazionale organizzato dal gruppo “Muzenza”

NAPOLI – Fine settimana all’insegna della cultura carioca, dello sport e delle attività all’aria aperta tra Pianura e Pozzuoli. La Capoeira, disciplina brasiliana che accomuna arti marziali e musica, nata nel litorale nord del Brasile durante la dominazione coloniale portoghese intorno alla seconda metà del 1600, è sempre più diffusa e sta vivendo una forte espansione anche in Italia.

Praticarla ma, soprattutto, viverla rappresenta un momento di aggregazione per interi gruppi di persone di tutte le età. Dimostrazione ne è il prossimo evento che si svolgerà tra Pianura e Pozzuoli nei giorni 19-20-21 maggio con il via del “VI Napoli Capoeira Festival”, evento internazionale organizzato dal gruppo “Muzenza” del Professor Mala aperto a chiunque voglia parteciparvi che vedrà l’arrivo a Napoli di atleti da tutto il mondo, dal Portogallo alla Francia, dalla Germania al Brasile.

Si partirà il 19 presso “Villa Catone” (Via Pietrarse, 73) nella città puteolana dalle 18 con workshop su ritmo, musica e canti di Capoeira che dalle 21, invece, si trasformerà in una vera e propria roda.
Il giorno seguente, sabato 20, dalle 9 al Parco Attianese in via Provinciale a Pianura le lezioni di Capoeira saranno davvero per tutti: è previsto anche l’evento rinominato “Capoeira in famiglia” in cui a partecipare saranno i genitori con i figli. Dalle 16 alle 18, poi, il vero e proprio Festival con dimostrazioni del gioco della Capoeira da parte di professionisti, il momento del “batizado” in cui i nuovi alunni riceveranno la loro prima corda mentre per gli altri avverrà il cambio di grado, e per finire un’esibizione del maculelè, danza afro-brasiliana al ritmo degli atabaque e di bastoni. L’evento si concluderà domenica 21 intorno all’ora di pranzo sul Lungomare Pertini di Pozzuoli ospitato all’interno dell’ “X-Game”, manifestazione sportiva multidisciplinare.

Ha contribuito per la realizzazione del festival la palestra Life di via Salvador Dalì Pianura ed hanno partecipato come sponsor: Vodafone Store del Gruppo scherillo e caffetteria Musella, entrambi di via Salvador Dalì Pianura.

Share

Situato in SpettacoloComments (0)

Weekend di musica al Nabilah, il programma

Weekend di musica al Nabilah, il programma

NAPOLI – Un week end di musica d’autore al Nabilah di via Spiaggia Romana 15 (Bacoli), dove, ad aprire gli appuntamenti del sabato, il 13 maggio, arriva La Maschera (apertura club: ore 21. Ingresso gratuito fino a mezzanotte).

Opening con la loro world music racchiusa nell’album “O’ vicolo ‘e l’alleria”, preceduto dal singolo “Pullecenella”. E sarà davvero un grande evento. Al nucleo base della Maschera, ovvero Roberto Colella (voce, tastiera e chitarra), Vincenzo Capasso (tromba), Antonio Gomez (basso), Marco Salvatore (batteria), Alessandro Morlando (chitarra elettrica), si uniranno Arcangelo Michele Caso al Contrabbasso e Michele Maione alle percussioni. Atteso anche il grande ritorno dell’artista senegalese Laye Ba che in lingua Wolof intrecciata al napoletano ha dato vita insieme a Roberto Colella alla canzone “Te Vengo a Cercà”, ultimo singolo della band.

Domenica 14 maggio (apertura club: ore 17. Inizio concerto: ore 19), la colonna sonora dell’aperitivo in riva al mare, in collaborazione con Drop, è affidata al trio Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite. Capita a volte di trovarsi dall’altro capo del mondo e di incontrare inaspettatamente qualcosa che ci appartiene e che forse avevamo dimenticato. Questo è successo a Girotto, Servillo e Mangalavite, in particolare quando i due argentini hanno riconosciuto nell’incontro una possibilità di ritorno alla propria cultura condotto senza retorica, ma giocando in prima persona la scommessa di scrivere canzoni “nuove”. Canzoni “antiche” si direbbe, viceversa, per Servillo, che può frequentare così paesaggi classici del fare musica popolare senza il rischio della ridondanza e della citazione. La musica è per fortuna un “fatto” direbbero loro tre assieme, e tutta questa premessa ha un trio infine che la vuole dimostrare.

Share

Situato in SpettacoloComments (0)

Albania casa mia, al Teatro Elicantropo di Napoli

Albania casa mia, al Teatro Elicantropo di Napoli

NAPOLI – Un teatro differente, un tema spinoso trattato con sensibilità e anche ironia. E’ Albania casa mia, il monologo scritto e interpretato da Aleksandros Memetaj, per la regia di Giampiero Rappa, in scena, da giovedì 30 marzo 2017 alle ore 21.00 (repliche fino a domenica 2 aprile), al Teatro Elicantropo di Napoli.
Presentato da Argot Produzioni, il monologo accompagna gli spettatori in una storia fatta di parole, immagini e sudore, attraverso le vicende di due personaggi inizialmente distinti, Alexander e Aleksandros, albanesi, che, nonostante la differenza di età e di esperienze, vivono sulla propria pelle le stesse viscerali e contrastanti emozioni.

Siamo al 25 febbraio 1991, nell’Albania di quegli anni, uno Stato in cui il regime comunista è collassato e il malcontento del popolo si esprime con manifestazioni, distruzione dei simboli dittatoriali ed esodi di massa, per primo quello di Brindisi.
Proprio a Brindisi, sbarca il trentenne Alexander Toto, scappato da Valona a bordo del peschereccio Miredita (“Buongiorno” in albanese), cui si accompagna un bambino di soli 6 mesi, Aleksandros Memetaj, appunto.
Aleksandros racconta le sue esperienze italiane, da cittadino italiano tra gli italiani, da bambino tra i bambini, ma sempre da diverso tra gli uguali. Episodi di razzismo e bullismo, infatti, accompagnano interamente la sua crescita e il suo ambientarsi a Fiesso D’Artico, un piccolo paese di settemila anime tra Padova e Venezia.
“Albania casa mia – scrive il regista Giampiero Rappa – è un testo di un giovane attore e autore di ventiquattro anni. Ho conosciuto Aleksandros in un laboratorio teatrale, e, dopo aver ascoltato la sua storia, gli ho proposto di farne un monologo: la difficoltà nel cercare la propria identità e il rapporto fortissimo tra padre e figlio rendono, infatti, la vicenda universale”.
Gli sforzi economici per la partenza, le difficoltà e la paura nel viaggio, le umiliazioni e la stanchezza all’arrivo sono i fondamenti della storia di questo padre, una delle tante vittime del contesto politico nello stato albanese, che, dopo quarantacinque anni di limitazioni e controlli, ha riaperto i confini e riconcesso ai propri cittadini il diritto di viaggiare fuori dalla nazione.
Entrambi i protagonisti della storia amano la propria terra, come figli prediletti, ma entrambi la odiano come mariti traditi. Entrambi ripongono le loro speranze nella nuova patria, come innamorati novelli, ma entrambi ne sono feriti, come chi resta senza amici. La lontananza diventa il sentimento più forte, che caratterizza fortemente le parole di questo monologo, divertente e commovente al tempo stesso.

Share

Situato in SpettacoloComments (0)