Archivio | Economia

“Saperi per l’edilizia”, il Convegno all’Acen

“Saperi per l’edilizia”, il Convegno all’Acen

NAPOLI – Si terrà domani, giovedì 23 marzo, alle ore 9.30, presso la sede dell’Acen (piazza dei Martiri, 58)  il seminario “Bonifiche e rifiuti in edilizia.

Si tratta del quinto incontro del ciclo “Saperi per l’edilizia” organizzato dal Centro Sperimentale di Sviluppo delle Competenze per le Costruzioni Edil Lab e dagli ordini professionali di Architetti, Avvocati, Consulenti del Lavoro, Dottori Commercialisti e Ingegneri di Napoli.

Dopo i saluti di Pio Crispino, presidente dell’Ordine degli Architetti, e Luigi Vinci, presidente dell

Convegno all’Acen

Ordine degli Ingegneri, e l’introduzione di Antonio Giustino, presidente Gruppo Giovani Imprenditori dell’Acen, interverrannoClaudia D’Avino, dottore in Scienze Ambientali, Fabrizia Giovinazzi, dirigente Arpac, Antonio Marotta, direttore tecnico Geos Environment srl, Lucia Pagnozzi (in attesa di conferma), dirigente della Regione Campania e Francesco Pirozzi, professore ordinario Dist. Le conclusioni sono affidate a Bruno Orrico, coordinatore della Commissione Ambiente dell’Ordine degli Ingegneri.

Share

Situato in EconomiaComments (0)

Aree di crisi industriale, arrivano gli incentivi dal Ministero

Aree di crisi industriale, arrivano gli incentivi dal Ministero

NAPOLI – Con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 24 febbraio, è stato pubblicato il bando per l’accesso alle agevolazioni riguardanti programmi di investimento delle imprese nelle aree di crisi industriale non complessa, cioè quelle aree che presentano un impatto significativo sullo sviluppo e l’occupazione dei territori interessati.

A partire dalle ore 12.00 del prossimo 4 Aprile, le attività produttive localizzate nelle suddette aree potranno accedere a consistenti incentivi economici per realizzare programmi di reindustrializzazione trasmettendo la domanda ad INVITALIA, secondo le modalità e i modelli indicati nell’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia. I progetti saranno esaminati con procedura a sportello, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Parliamo di una misura economica di assoluta importanza per la nostra città. Le porzioni del territorio comunale di Napoli caratterizzate da una situazione di crisi industriale non complessa, infatti, sono 334, nelle quali insistono 1.010 unità produttive potenzialmente beneficiarie dei programmi di investimento, con la presenza di 9.517 addetti ai lavori.

Le aree di Napoli sono state individuate attraverso un’attenta analisi del territorio cittadino condotta dall’Assessorato al Lavoro del Comune di Napoli, in stretta collaborazione con l’Assessorato all’Urbanistica, i tecnici del Sistema Informativo Territoriale della Direzione Pianificazione e Gestione del Territorio, i Servizi Statistici e con il supporto di ANPAL Servizi, già Italia Lavoro.

“Questa politica di sviluppo del Ministero è una leva economica fondamentale per il nostro territorio” afferma l’Assessore al Lavoro e alle Attività Produttive Enrico Panini “Come Amministrazione stiamo cercando di diffondere l’informazione in maniera capillare, attraverso seminari, incontri e comunicazioni istituzionali e, allo stesso tempo, siamo a disposizione degli operatori economici e i soggetti che volessero avere delucidazioni in merito agli incentivi offerti dalla misura. Rendere la Città un importante attrattore di investimenti” continua l’Assessore “rappresenta per noi contemporaneamente un traguardo e una sfida. Napoli merita di essere al centro delle politiche di sviluppo nazionali e locali ed è in capo a noi Amministratori, regionali e comunali, attivare ogni possibile leva e mettere in campo ogni possibile strumento. Regione Campania e Comune di Napoli hanno avviato un importante percorso di sinergia istituzionale, percorso del quale non possiamo che essere orgogliosi e in cui riponiamo un’alta aspettativa per l’espansione occupazionale e il progresso culturale ed economico territoriale”.

Share

Situato in Economia, PoliticaComments (0)

Fiera del Gioiello, 27 Aziende Torresi ad Hong Kong

Fiera del Gioiello, 27 Aziende Torresi ad Hong Kong

Si conclude oggi la Hong Kong Jewellery & Gem Fair, il principale appuntamento orafo del mercato asiatico: oltre 1800 espositori provenienti da 36 nazioni su una superficie complessiva di oltre 65mila metri quadrati. Tra di loro anche 27 aziende di Torre del Greco, riunite sotto l’egida di Assocoral.

Corallo “Torre del Greco, ancora una volta, vetrina del Made in Italy che testimonia una lunga storia di amicizia con l’Oriente. Torre del Greco, Cina e Giappone, tre storie diverse ma per molti aspetti analoghe, fatte di oltre un secolo di esperienze, di confronti, di condivisioni. Paesi che, da sempre, testimoniano grandi trasformazioni del settore del corallo, del cammeo e delle perle, evoluzioni soprattutto nel commercio di prodotti che, negli anni, hanno saputo imporsi alle mutazioni delle mode”.

In occasione dei festeggiamenti per i 150 anni di anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia le aziende storiche torresi, in linea con l’intensa filosofia orientale, hanno mostrato al mondo intero l’oro rosso di Torre del Greco.

Share

Situato in EconomiaComments (0)

Le nuove frontiere delle Costruzioni, il Seminario all’Acen

Le nuove frontiere delle Costruzioni, il Seminario all’Acen

NAPOLI – Si terrà giovedì 2 marzo, alle ore 9.30, presso la sede dell’Acen (piazza dei Martiri, 58) il seminario “Il Life Cycle Assessment nel settore delle costruzioni e il BIM”, un approfondimento sulla rivoluzione alle porte dell’intera filiera dell’edilizia, dal progetto alla realizzazione dei diversi interventi edili in BIM. Si tratta del secondo incontro del ciclo “Saperi per l’edilizia” organizzato dal Centro Sperimentale di Sviluppo delle Competenze per le Costruzioni Edil Lab e dagli ordini professionali degli Architetti, degli Avvocati, dei Consulenti del Lavoro, dei Dottori Commercialisti e degli Ingegneri di Napoli.

Dopo i saluti di Pio Crispino, presidente dell’Ordine degli Architetti, Luigi Vinci, presidente dell’Ordine degli Ingegneri, e l’introduzione di Antonio Giustino, presidente del Gruppo Giovani Imprenditori dell’ACEN, Antonio Salzano, amministratore FED – Spinoff dell’Università Federi

Convegno all’Acen

co II, illustrerà la monografia “Il Life Cycle Assessment (LCA) nel settore delle costruzioni e il BIM” scritta insieme ad Andrea Prota, ordinario DIST. A seguire, interverranno Domenico Asprone, co-autore della monografia e ricercatore DIST, Fabio De Astis, BIM manager presso Stress scarl e Sergio Russo Ermolli, associato DiARC.

Le conclusioni sono affidate ad Edoardo Cosenza, ordinario DIST e coordinatore del Master “BIM e progettazione integrata sostenibile” dell’Università di Napoli “Federico II”.

Share

Situato in EconomiaComments (0)

Mam, l’altra faccia dell’auto

Mam, l’altra faccia dell’auto

NAPOLI – Il mondo dell’auto abbraccia quello dell’arte e della moda. Domenica 22 gennaio alle 19:30 al Motor Village di Napoli: il party futurista “MAM”, moda, arte, motori, dedicato ai brand Alfa Romeo & Jeep, organizzato da Visivo Comunicazione.

Dinamicità, originalità ed eleganza gli elementi dell’happening futurista, un connubio perfetto tra il mondo dell’arte e quello dei motori. Le curve del design automobilistico, i quadri moda e le espressioni artistiche della serata, accompagnano gli ospiti in un’insieme di contaminazioni nuovo e interessante.

“L’automobile è un prodotto da ammirare, – spiega Massimiliano Campogiani, direttore del Motor Village Napoli – ecco perché la raccontiamo come un prodotto artistico, un elemento di design, un oggetto legato all’innovazione e alla creatività.

Il progetto sviluppatosi con il marketing manager Vincenzo Pennacchio e con la collaborazione del direttore commerciale Tiziana Liguori è quello di aprire il salone di Corso Meridionale, da più di 90 anni nel cuore della città, a Napoli, mostrando l’altra faccia dell’auto, quella che si mescola con l’arte e la sostenibilità, che può diventare motore per la relazione e la condivisione.

Un evento esclusivo e non convenzionale, caratterizzato da tableaux vivants di modelle, che indossano gli abiti dello Studio Mangini, firmati dallo stilista libanese Michael Bridz, l’artista Pietro Mingione dipinge live quadri ispirati all’industria dell’auto, il mascheraio Luca Arcamone è protagonista di un’esibizione di body painting. Spazio anche alla danza contemporanea, con i ballerini della Mart Company diretta dal coreografo Marco Auggiero. Dj selection: Frank Carpentieri, già autore di musiche per tv e teatro.

Share

Situato in EconomiaComments (0)

“l’Altro Centro Shopping”, i commercianti in sinergia a tutela della tradizione

“l’Altro Centro Shopping”, i commercianti in sinergia a tutela della tradizione

NAPOLI – L’associazione l’Altro Centro Shopping nasce per volontà dei commercianti della zona compresa tra Via Circumvallazione, Corso Avezzana e Via Guglielmo Marconi per dare una mano concreta allo sviluppo di nuove importanti sinergie. Realtà diverse arricchiscono il vissuto di questa porzione di territorio che si pone come valida alternativa alle vie del centro storico di Torre del Greco comprese tra Via Roma, Via S. Noto e D. Colamarino, ritenute, nell’immaginario collettivo, il centro dello shopping cittadino.

Per questo il nome “l’Altro Centro Shopping”. I negozianti de l’Altro Centro Shopping con la loro professionalità ed esperienza sono i custodi dell’antica tradizione commerciale e artigiana del quartiere.

Capaci di inserirsi in maniera dinamica nella realtà dell’economia moderna, hanno pensato di associarsi per presentarsi in modo unitario alla città, per realizzare un insieme d’iniziative ed eventi promozionali, per dare continuità e innovazione alla tradizionale commerciale del quartiere, aumentandone la visibilità.

In poche centinaia di metri, tantissime attività commerciali eterogenee, assicurano un’offerta completa che varia dai prodotti per la persona, alimentari, accessori e servizi, per soddisfare ogni esigenza.

L’entusiasmo di 50 di questi esercizi commerciali e la volontà di presentarsi ai cittadini con una proposta completa e irrinunciabile, ha prodotto l’idea e definito la realizzazione di un progetto che vedrà vita nel periodo prenatalizio e che proseguirà per sempre, con la creazione di promozioni e iniziative ad hoc, studiate per ogni ricorrenza dell’anno.

Nello specifico, il progetto diventerà operativo a partire dall’8 Dicembre 2016.

Share

Situato in EconomiaComments (0)

La riforma del Catasto tra esigenza di gettito e tutela del contribuente

La riforma del Catasto tra esigenza di gettito e tutela del contribuente

NAPOLI – Si terrà all’Acen (piazza dei Martiri, 58) il prossimo 20 ottobre 2016, alle ore 16.00, il convegno “La riforma del Catasto tra esigenze di gettito e tutela del contribuente”.

catasto-fabbricatiL’incontro, organizzato e promosso dall’Associazi20 ottobre 2016, alle ore 16.00one Costruttori Edili di Napoli e dall’Anti – Associazione Nazionale Tributaristi Italiani – sezione Campania, ha l’obiettivo di approfondire la riforma del Catasto tuttora in atto. Dopo i saluti di Giovanni Cossu, presidente sezione Campania Anti, Vincenzo Moretta, presidente Ordine dei Commercialisti della Provincia di Napoli, Cinzia Romagnolo, direttore regionale delle Entrate per la Campania, Francesco Tuccillo, presidente Acen e Luigi Vinci, presidente Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli, seguirà la relazione introduttiva di Pasquale Improta, vice presidente nazionale Anti e la tavola rotonda con Gaetano Allodi, avvocato tributarista, Giovanni B. Cantisani, Agenzia delle Entrate, Vincenzo Del Giudice, ordinario di Estimo dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Michele Oricchio, procuratore regionale Corte dei Conti Campania – Presidente f.f. Commissione tributaria regionale Campania e Prospero Pizzolla, presidente Confedilizia Campania. Modera Tullio Elefante, vice presidente sezione Campania Anti.

Share

Situato in EconomiaComments (0)

Università e imprenditori a confronto, l’iniziativa degli industriali

Università e imprenditori a confronto, l’iniziativa degli industriali

NAPOLI – Si è conclusa la quinta edizione del progetto “Challenging Education”, promosso dai Giovani Imprenditori dell’Unione Industriali e dal Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università Federico II di Napoli. L’iniziativa, rivolta agli studenti universitari, nasce con l’obiettivo di avvicinare mondo accademico e realtà imprenditoriale, chiamando i ragazzi a misurarsi con concrete problematiche aziendali.

Unione Industriali NapoliIl project work ha visto la partecipazione delle aziende associate Gesac Spa, Tourist Italia srl e Lauro.it SpA.

Agli studenti sono stati sottoposti concreti “problemi” organizzativi ispirati alla pratica aziendale. I ragazzi hanno avuto quindi la possibilità di mettere in pratica i concetti studiati, di approfondirli, di interagire con persone di estrazione diversa e non accademica, di lavorare in gruppo e di effettuare ricerche bibliografiche.

Il progetto ha visto gli studenti alle prese con problemi di implementazione dell’organizzazione aziendale, un sistema composto da più variabili interdipendenti, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi posti dall’impresa. Il risultato finale è stato consegnato all’azienda “committente”, nel corso della cerimonia che si è svolta presso la sede dell’Unione Industriali.

“La formazione – dice Susanna Moccia, Presidente Giovani Imprenditori dell’Unione Industriali di Napoli – è una delle nostre priorità. Siamo molto attenti al dialogo e al confronto con gli studenti. Challenging Education, giunta ormai alla quinta edizione, è accolta con grande favore dagli universitari, perché consente loro di misurarsi con la vita quotidiana di una azienda, mettendo in pratica ciò che hanno studiato nel corso degli anni”.

Share

Situato in EconomiaComments (0)

Una Città per cantare. opportunità e progetti per l’impresa musicale napoletana

Una Città per cantare. opportunità e progetti per l’impresa musicale napoletana

NAPOLI – Editori musicali, produttori artistici, discografici e promoters si confronteranno domani, martedì 31 maggio ore 15.00, all’Unione Industriali (piazza dei Martiri 58 Napoli) per un’attenta analisi delle esigenze delle imprese del settore e per individuare opportune strategie di rilancio di un comparto la cui ricchezza artistica e professionale contribuisce a identificare la produzione musicale napoletana come patrimonio culturale riconosciuto in tutto il mondo.

MusicaL’incontro, intitolato “Una città per cantare. Opportunità e progetti per l’impresa musicale napoletana”, è promosso dall’Unione Industriali attraverso la Sezione Editoria Cultura e Spettacolo, presieduta da Antonio Parlati, che modererà i lavori. Interverranno l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, Gaetano Daniele, e il Consigliere del Presidente della Regione Campania per l’Organizzazione Culturale, Sebastiano Maffettone.

Interverranno inoltre: Ninni Pascale (Discografico Polosud), Nando Coppeto (Editore e Discografico, Presidente Fondazione Murolo), Lele Nitti (Produttore e Promoter Ufficio Kappa), Nicola Lino (Amministratore Veragency), Lino Vairetti (Discografico e Organizzatore Afrakà), Franco Fedele (Edizioni Musicali La Canzonetta), Peppe Gomez (Amministratore Concerteria), Michele Sulipano (Organizzatore Napoli Jazz Club), Luciano Chirico (Amministratore Fullhead), Alfredo Calfizzi (Amministratore Mascalzone Latino), Tommy Esposito (Amministratore Gds), Gennaro Manna (Amministratore Palapartenope), Giorgio Bennato (Cheyenne record), Rocco Pasquariello (Marocco music), Elio Lupi (Direttore Artistico Associazione Ex Allievi San Pietro a Majella), Carlo Ruggiero (Limousine officina di idee), Giuseppe Caccavale (Teatro Augusteo Produzioni), Gino Aveta (Esperto musicale), Ferdinando Tozzi (Presidente Campania Music Commission), Dino Piretti (Amministratore Mep), Francesco Floro Flores (Arena Flegrea).

Share

Situato in EconomiaComments (0)

Londra chiama Napoli, come investire nel Regno unito

Londra chiama Napoli, come investire nel Regno unito

NAPOLI – Come effettuare investimenti immobiliari nel Regno Unito per creare e sviluppare nuove imprese? “Istruzioni per l’uso” saranno fornite da un workshop in programma all’Unione Industriali (piazza dei Martiri 58 Napoli) mercoledì 11 maggio alle 14.30. L’iniziativa è promossa da Grm Law, Sagitter One Limited e Taras Services Limited in collaborazione con l’Ambasciata Britannica in Italia, UK Trade & Investment e Unione Industriali Napoli.

Sotto i riflettori sarà il tema delle acquisizioni immobiliari a uso industriale, commerciale e della ristorazione.

londraIn programma gli interventi del Presidente dell’Unione Industriali, Ambrogio Prezioso, del Deputy Consul General & Deputy Director UK Trade & Investment in Italia, Consolato Britannico Generale di Milano, Danielle Allen, del Presidente Fondazione Odcec Napoli, Salvatore Tramontano, del Fondatore Taras Services Limited, Matteo Turi, del Partner, Solicitor e Avvocato di Grm Law, Caterina Iodice, del Fondatore di Sagitter One Limited, Stefano Potortì, dell’Amministratore Delegato di Laminazione Sottile Spa, Luca Moschini, dell’Amministratore Delegato di Besana Group Spa, Riccardo Calcagni, del Fondatore di Mr Lasagna Restaurant e Director di Lifiuk UK Limited, Alessandro Limone, del Senior UK Trade & Investment Advisor dell’Ambasciata Britannica, Ines Montella.

Share

Situato in EconomiaComments (0)



Seguici su FaceBook