Archivio | Cronaca

Ospedali Annunziata e San Gennaro, continua la lotta per la salvaguardia

Ospedali Annunziata e San Gennaro, continua la lotta per la salvaguardia

NAPOLI – Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, insieme all’Assessore Roberta Gaeta ed a Francesco Chirico e Ivo Poggiani – Presidenti della seconda e terza Municipalità – ha incontrato stamani una folta delegazione di cittadini, rappresentanti sindacali, operatori e Comitati civici del settore della Sanità Pubblica. Nel corso del suo intervento il Sindaco, nel prendere atto dello smantellamento progressivo e sistematico del settore Sanità, ha annunciato di voler procedere, con tutti i mezzi necessari finanche quelli giuridici, per la salvaguardia della Salute e tutela della salute pubblica dei cittadini di Napoli ed in particolare si sta valutando la possibilità di intervenire, mediante l’Avvocatura del Comune di Napoli, sulle procedure di attuazione del piano ospedaliero di riconversione.

ospedale-annunziata“La situazione che riguarda innanzitutto gli ospedali Annunziata e San Gennaro è paradossale considerando anche le problematiche generali dei quartieri di appartenenza. Il primo Luglio, inoltre, è annunciata la chiusura dei reparti di degenza dell’ospedale Annunziata ed è gravissimo che questi tagli alla salute pubblica passino sulla testa dei cittadini e dell’Amministrazione Comunale. Non è tollerabile che le scelte che riguardano la salute dei cittadini, della quale il Sindaco è garante, avvengano senza interpellare le Istituzioni locali e senza un preventivo confronto con l’utenza e la cittadinanza“. Questo il commento del primo cittadino. Una posizione condivisa da tutti i partecipanti all’incontro. Erano presenti inoltre: il “Comitato per la difesa del diritto della Sanità Pubblica”, “Rete per il diritto alla Salute”, “Comitato Pro SS Annunziata”, “Associazione genitori bambini prematuri Il Bruco Onlus”, “Medicina democratica” . “Nella città con più bambini d’Europa non è ammissibile che la Regione Campania trascuri la salute dei più piccoli, considerando soprattutto il dato della mortalità infantile in Campania che è molto più alta rispetto al dato nazionale: nel 2015 il 4,3% entro il primo anno di vita rispetto il 3,5 italiano. Per tutti questi motivi ed anche altri, presidieremo materialmente gli ospedali stando in prima linea insieme al popolo napoletano che vuole essere ascoltato”. Così si sono espressi i presidenti Chirico e Poggiani e l’Assessore Gaeta. Mercoledì 29 giugno, l’Amministrazione Comunale sarà presente alla Conferenza Stampa indetta davanti palazzo Santa Lucia alle ore 11 per denunciare pubblicamente la chiusura dei reparti degli ospedali San Gennaro e Annunziata e per promuovere il protagonismo popolare al fine di costruire soluzioni concrete per il territorio. (Agenparl)

Share

Situato in Cronaca, Primo PianoComments (0)

Monopolio del pane a Napoli, 24 arresti

Monopolio del pane a Napoli, 24 arresti

NAPOLI – A Napoli blitz interforze contro il clan camorristico Lo Russo, attivo nell’area Nord della città, che aveva acquisito il monopolio della distribuzione del pane e imponeva il prezzo di vendita: 24 le persone arrestate e ritenute affiliate all’organizzazione criminale. Ad eseguire le ordinanze di custodia cautelare, emesse dal gip del tribunale partenopeo, carabinieri, agenti della Squadra mobile e Guardia di finanza di Napoli. I reati contestati, a vario titolo, sono associazione di tipo mafioso e associazione finalizzata al traffico di droga nonché di tentato omicidio, detenzione illegale di armi comuni e da guerra ed estorsioni, aggravati da finalità mafiose.

pane abusivo

pane abusivo

Nel corso delle indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, è stata documentata l’operatività e tracciate la struttura e le attività illecite del gruppo, individuati i vertici e i gestori, promotori e affiliati delle principali piazze di spaccio.

E’ emersa la responsabilità del tentato omicidio di uno degli appartenenti a un gruppo avversario e identificati i soggetti dediti alle estorsioni a imprenditori edili nonché i gestori, promotori e affiliati delle principali piazze di spaccio dell’area Nord. Accertato, infine, il monopolio della distribuzione di pane e l’imposizione del prezzo di vendita, a grossi supermercati, a botteghe e agli ambulanti domenicali della zona.

Share

Situato in Cronaca, Primo PianoComments (0)

Papa, pensare un’altra Ue. Chiesa si scusi con i gay

Papa, pensare un’altra Ue. Chiesa si scusi con i gay

ROMA- Dal voto degli inglesi a favore del Brexit, Papa Francesco spera che possa scaturire un modo diverso di condurre l’Unione Europea. Per il Papa, servirebbe “più libertà“. Per questo sarebbe opportuno, spiega, “pensare un’altra forma di unione“. Alcuni desiderano più autonomia, osserva conversando con i giornalisti nel volo da Yerevan. “Vogliono avere certe cose che sono della nostra cultura”, sottolinea il Pontefice alludendo evidentemente all’autonomia rivendicata non solo dalla Gran Bretagna. Dunque, spiega, “bisogna avere un passo che crea unità, ma anche una sana disunione“.

Papa Francesco“E si deve essere creativi – suggerisce il Papa – anche in questo, come si deve esserlo per creare lavoro (è urgente con Il 25 per cento dei ragazzi senza lavoro in paesi come l’Italia)”. Scandisce Bergoglio: “C’è qualcosa che non va nell’Unione massiccia. Ma attenti: non buttiamo dalla finestra il bambino con l’acqua sporca”.  Secondo il Papa la parola chiave del dopo Brexit dovrebbe essere “ricreare“. “La ricreazione – sottolinea – è propria delle cose umane. Anche la nostra personalità è un percorso, nel senso che si forma procedendo. Nella vita creatività è fecondità”.
Rispondendo a un giornalista inglese che domandava se Brexit “puo’ portare alla disintegrazione europea e eventualmente alla guerra”, Papa Francesco ha esordito con un’affermazione forte: “la guerra già c’è in Europa. E c’è un’aria di divisione, anche questo non solo in Europa. Penso alla Catalogna, alla Scozia. Queste divisioni non dico siano pericolose. Ma dobbiamo studiarle bene. Parlare bene, trovare soluzioni di dialogo. Non ho studiato quali siano i motivi per cui il Regno Unito ha deciso cosi’. Nella storia abbiamo avuto le indipendenze per emancipazione dalle colonie. è una cosa più comprensibile. C’è dietro una cultura, un modo di pensare. Invece la secessione, pensiamo alla Scozia, è più problematica. Ha dato origine alla parola Balcanizzazione, che oggi usiamo senza parlare dei Balcani. Ci sono storie dietro questo desiderio, e anche malintesi. Per me sempre l’unità è superiore al conflitto. Ma ci sono diverse maniere di essere uniti. E sempre la fratellanza è migliore dell’inimiciza, delle distanze. E i ponti sono sempre migliori dei muri”. Di Brexit il Papa aveva parlato anche nel volo di andata dicendo più sinteticamente: “è la volontà espressa dal popolo che ci richiede una grande responsabilità per garantire il bene del popolo del Regno Unito e anche il bene e la convivenza di tutto il popolo europeo”.

Share

Situato in CronacaComments (0)

Campania, Cosentino condannato a quattro anni per corruzione

Campania, Cosentino condannato a quattro anni per corruzione

NAPOLI – Quattro anni di reclusione con l’accusa di corruzione per Nicola Cosentino. La sentenza è stata pronunciata dal presidente del collegio giudicante del tribunale di Napoli nord.

Nicola Cosentino

Nicola Cosentino

Il pm aveva chiesto sei anni per l’ex sottosegretario all’Economia del governo Berlusconi, da alcune settimane ai domiciliari, è accusato di aver corrotto un agente della penitenziaria in servizio al carcere napoletano di Secondigliano. I legali difensori di Cosentino hanno già annunciato che presenteranno Appello alla sentenza dopo aver letto le motivazioni.

Share

Situato in CronacaComments (0)

Maturità, tra le tracce: donne al voto , saggio di Eco Pil e concetto di confine

Maturità, tra le tracce: donne al voto , saggio di Eco Pil e concetto di confine

ROMA – C’è un brano da un saggio di Umberto Eco tra le tracce della prima prova di maturità, il tema di storia è sulle donne al voto nel 1946. Una citazione di Zanini sul concetto di ‘confine’ per l’attualità. Quattro le tracce per il saggio breve: il rapporto padre-figlio in arte e letteratura; “il Pil è la misura di tutto?” per il tema economico; Il terzo tema si incentra sul “valore del paesaggio” con citazione di Vittorio Sgarbi. Infine, ultimo titolo, “l’uomo e l’avventura nello spazio” con frasi degli astronauti Samantha Cristoforetti e Umberto Guidoni per quello scientifico.

MaturitàPer 503.452 studenti ha preso il via l’esame di maturità, ed oggi sono chiamati alla prova di italiano, a disposizione 6 ore. La password per decriptarlo è stata letta dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini in diretta tv dallo studio di Uno Mattina Poi il ministro ha dato il suo in bocca al lupo. “Anche quest’anno abbiamo voluto un plico per la prova di italiano semplificato, senza troppi allegati, per far si’ che davvero ogni ragazzo possa riflettere ed esprimere se stesso – dichiara il ministro – Ogni studente trovera’ una traccia vicina alla propria sensibilita’. A tutti auguro un grande in bocca al lupo. Affrontate la prova con impegno, senso di responsabilita’, date il meglio di voi stessi. Sono certa che lo farete”.

Share

Situato in CronacaComments (0)

Garante dell’infanzia: “La normalità dell’incesto’ in Campania merita grande attenzione”

Garante dell’infanzia: “La normalità dell’incesto’ in Campania merita grande attenzione”

NAPOLI – “La denuncia del garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Campania, Cesare Romano sulla ‘normalità dell’incesto’ in Campania, merita grande attenzione”. Così Carmine Mocerino, presidente della Commissione Speciale della Regione Campania ‘Anticamorra e Beni Confiscati’.

diritti-infanzia-bambini“Se vera, e non ci sono motivi per dubitare delle indagini effettuate, è una emergenza nazionale. Le istituzioni e le Procure competenti devono avviare una azione immediata. Ed il mondo della scuola non può tenersi fuori. Mi auguro – conclude Mocerino – anche l’ufficio scolastico regionale voglia promuovere iniziative comuni”. (Il Velino)

Share

Situato in CronacaComments (0)

Biciclettata Verde per De Magistris

Biciclettata Verde per De Magistris

“Oggi dimostriamo il nostro sostegno al sindaco De Magistris con una biciclettata che cominceremo avviando la pulizia dei muretti del lungomare liberato all’altezza di piazza Vittoria”. Lo hanno detto il Consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e il portavoce regionale del Sole che ride, Vincenzo Peretti, precisando che “i muretti saranno ripuliti da tutte le scritte oscene o stupide che la deturpano grazie alla collaborazione della Teichos che ha deciso di sostenere la nostra battaglia”.

lungomareL’avvio dei lavori di pulizia e della biciclettata è previsto oggi, venerdì 17 giugno, alle 10.30, a piazza Vittoria, a ridosso della pizzeria Sorbillo. Oltre a Borrelli e Peretti, parteciperanno i portavoce cittadini, Stefano Buono e Stefania Zenga, la consigliera di Municipalità Chiaia, San Ferdinando Posillipo, Benedetta Sciannimanica, e Marco Gaudini, consigliere uscente della Municipalità Vomero Arenella.

Share

Situato in CronacaComments (0)

Minacce all’attore di Gomorra

Minacce all’attore di Gomorra

NAPOLI – “Il fatto che in tanti stiano offendendo e minacciando l’attore che interpreta Malammore, il camorrista che uccide una bambina in Gomorra, dimostra che avevamo ragione quando dicevamo che non tutti quelli che vedono fiction come quella siano in grado di distinguere fiction e realtà”.

Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli de La radiazza, per i quali “così come hanno deciso di minacciare un attore, non capendo che siamo di fronte a una recitazione, potrebbero decidere di imitare i camorristi della serie”.

malammore-prima-del-suo-atto-estremo“Stiamo vivendo un periodo particolare della storia della camorra a Napoli e provincia dove, con i continui colpi delle forze dell’ordine inflitte ai grandi clan, stanno emergendo piccoli gruppi formati da giovani e giovanissimi e non è difficile ipotizzare che qualche testa calda potrebbe decidere di atteggiarsi come i protagonisti della fiction” hanno concluso Borrelli e Simioli per i quali “proprio perché non tutti quelli che vedono queste produzioni riescono a distinguere tra finzione e realtà, sarebbe opportuno far vedere che la camorra non agisce indisturbata ma c’è chi la combatte, a cominciare da magistrati e forze dell’ordine”.

Share

Situato in CronacaComments (0)

Secondo giorno di sciopero per i lavoratori dell’Asia

Secondo giorno di sciopero per i lavoratori dell’Asia

NAPOLI – Seconda giornata di sciopero per i lavoratori del settore Ambiente e igiene urbana per il rinnovo del contratto di lavoro. Ancora una volta le città affrontano un giorno di sciopero di un settore così delicato a ridosso di un importante appuntamento elettorale nonostante l’intervento di Anci a supporto della chiusura di questa vertenza.

Camion Asia per la raccolta dei rifiuti

Camion Asia per la raccolta dei rifiuti

La città di Napoli subisce quindi questo sciopero pur essendo stata una di quelle che ha spinto anche in sede Anci per la chiusura del tavolo per mettere in garanzia i lavoratori, in continuità con le attività messe in campo dall’amministrazione in questi 5 anni protagonista della difesa del lavoro e dei lavoratori, al Comune come nelle partecipate.

In considerazione della partecipazione allo sciopero, oggi alcune zone della città hanno avuto un ritardo nella raccolta, che sarà recuperato nella giornata di domani, confidando sia nella collaborazione dei cittadini, ma anche nella certezza che gli stessi lavoratori a prescindere dalle dinamiche nazionali riconoscano che Napoli è un caso che, in totale controtendenza dal contesto generale, si sta affermando sempre più con politiche di difesa dei lavoratori e dei loro diritti.

Share

Situato in CronacaComments (0)

Brusciano, la Partita del Cuore per raccogliere fondi

Brusciano, la Partita del Cuore per raccogliere fondi

NAPOLI (Brusciano) – Che cosa lega attori, calciatori, cantanti e…un pallone? La voglia di regalare 2 ore di spettacolo con un unico e nobile scopo: raccogliere fondi a favore di ben tre progetti:

1. Il ripristino dell’autoambulanza operante sul territorio di Brusciano.
2. l’Associazione “Vittime Violenza Sportiva Ciro Vive”, nata per volontà di Antonella Leardi e Giovanni Esposito, genitori del tifoso azzurro Ciro Esposito, vittima di questo tipo di violenza.
3. Formazione di operatori BLSD sul territorio bruscianese, allo scopo di istruire personale capace di svolgere azione di pronto soccorso utilizzando tecniche di rianimazione cardio-polmonare, anche con uso del defibrillatore.
Pallone, serie AAppuntamento, dunque, per il prossimo 20 Giugno alle ore 20:00, allo Stadio Comunale di Brusciano, per l’evento sportivo organizzato dall’attore Barbato De Stefano e da Clelia Cortini.
Decine di artisti tra calciatori, attori, cantanti sfideranno le All Star Brusciano in un mix di sport e spettacolo che tra risate, canti e calcio giocato, rappresenterà anche quest’anno un’occasione di ritrovo e di meditazione per accendere i riflettori su quanto sia bello fare del bene, divertendosi.
“Il nostro obiettivo, dichiara Barbato De Stefano, è superare quello raggiunto lo scorso anno. Nel 2015 abbiamo già donato un defibrillatore e formato operatori BLSD che operano all’interno della struttura dello stadio di Brusciano, una parte è stata devoluta all’ associazione Thalassemia e abbiamo contribuito anche al progetto del libro Ciro Vive con l’ associazione Ciro Vive. Col contributo di tutti, riusciremo certamente a superare le aspettative”.

La partita del cuore vedrà alternarsi i personaggi più noti e amati del mondo dello spettacolo che hanno deciso di mettersi in gioco con saggia autoironia, divertendosi e facendo divertire.
Vi aspettiamo numerosi
Per vedere tutti i video cliccare su http://bit.ly/1UIl9un

Share

Situato in CronacaComments (0)