Cannabis, dal 2015 in farmacia per curare molte malattie

Dietro regolare presentazione di ricetta medica, i pazienti italiani potranno presto acquistare nelle farmacie i medicinali e i preparati galenici magistrali a base di cannabinoidi. A stabilirlo è l’intesa siglata lo scorso 20 settembre dal Ministro Lorenzin e dal Ministro Pinotti, un accordo che rappresenta anche il trattato attuativo delle norme già pienamente in vigore nel nostro Paese, ma che per una serie di cavilli burocratici e di costi proibitivi non sono mai state realmente applicate.

Cannabis in farmaciaL’uso della cannabis per scopi terapeutici era stato approvato già nel 2007, ma la novità principale dell’ultimo accordo sta nell’autorizzazione alla coltivazione e produzione di cannabis medica sul territorio italiano, un incarico che è stato affidato allo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze il quale, in collaborazione con i maggiori esperti italiani di cannabis, cercherà di soddisfare la grande richiesta dei pazienti. Entro il 31 ottobre, in particolare, un gruppo di lavoro dovrà quantificare il fabbisogno della popolazione tenendo conto delle malattie per le quali la cannabis si è rivelata un’utile terapia.

Il testo normativo della legge specifica tutte le patologie curabili con la cannabis. Troviamo in particolare glaucoma, epilessia, depressione, stress post-traumatico, sindrome di Tourette e altre malattie neurologiche e psichiatriche. Cannabis medica anche come terapia palliativa del dolore e come analgesico degli effetti collaterali di chemio e radio-terapia nei pazienti oncologici; nella lista anche malattie infiammatorie croniche intestinali, e altri disturbi comuni come l’asma bronchiale o l’artrite reumatoide, e ancora il morbo di Alzheimer e l’Aids. La marijuana terapeutica potrà essere utilizzata anche per alleviare i sintomi di sclerosi multipla, spasticità e disturbi del movimento…

Per chi volesse approfondire e conoscere i molteplici utilizzi della cannabis, dal 31 ottobre al 2 novembre prossimi si terrà per la prima volta a Napoli la “Fiera Internazionale della Canapa Industriale e Medica”: i maggiori specialisti, i ricercatori e gli imprenditori del settore illustreranno attraverso convegni, mostre e documentari tutti gli aspetti connessi alla canapa, dal suo impiego nell’industria tessile alla potenzialità terapeutica della sua varietà autofiorente, dall’impiego in ambito edile alla produzione di materie plastiche, sempre con particolare attenzione verso i vantaggi ambientali, economici e curativi derivati dal suo utilizzo.

I farmaci cannabinoidi potranno essere distribuiti dalle farmacie già dal 2015. Per molti malati italiani la decisione di produrre cannabis in Italia rappresenta una vera e propria vittoria dopo molti anni di battaglie per la conquista del proprio diritto alla cura. I cannabinoidi attualmente disponibili sul mercato, infatti, sono importati dall’estero a circa 15 euro al grammo. La cura per un malato può arrivare a costare fino a 900 euro al mese, tanto che nell’ultimo anno soltanto 60 pazienti hanno potuto beneficiare di questa terapia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.