Calcio, Morte Ciro Esposito, “Petizione per sospensione Prefetto e Questore Roma”

NAPOLI – L’apertura di “un’inchiesta amministrativa per accertare eventuali responsabilità colpose del prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, e del questore di Roma, Massimo Maria Mazza”, in relazione all’aggressione di alcuni tifosi romanisti nei confronti dei napoletani prima della finale di Coppa Italia lo scorso 3 maggio.

A chiederlo con una petizione popolare e’ l’associazione ‘Campania in movimento’, presentata nell’Auditorium di Scampia a Napoli, e indirizzata al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al ministro dell’Interno Angelino Alfano.

Capo Ultras - GennyI sottoscrittori della petizione chiedono “l’apertura di un’inchiesta amministrativa tesa all’accertamento di eventuali comportamenti omissivi posti in essere dai funzionari posti in essere dai funzionari emarginati in oggetto, in occasione della finale di coppa Italia Fiorentina-Napoli disputatasi allo Stadio Olimpico di Roma il giorno 3 maggio 2014. I tifosi del Napoli in via Tor di Quinto sono stati oggetto di atti di violenza, da parte di un gruppo di delinquenti, la cui presenza stanziale era peraltro, ben nota alle forze dell’ordine”.

Il tutto si sottolinea, “su un percorso indicato dai responsabili dell’ordine pubblico, nella fascia oraria consigliata per l’arrivo”. Secondo i firmatari, “l’assenza o l’insufficienza delle forze dell’ordine ha messo a grave rischio migliaia di cittadini italiani, i quali solo grazie all’immediata reazione di alcuni tifosi come il compianto Ciro Esposito sono riusciti ad evitare conseguenze più gravi”. Per questi motivi, “ritenendo che nell’occasione i responsabili dell’ordine pubblico abbiano agito in disprezzo delle più elementari norme di diligenza, perizia e prudenza, si chiede l’apertura di un’inchiesta amministrativa tesa alla sospensione dagli incarichi dei funzionari Giuseppe Pecoraro e Massimo Maria Mazza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.