Bus, le testimonianze: “Era fuori controllo, perdeva pezzi”

ROMA – Il pullman viaggiava a forte velocità’ con la parte anteriore aperta o mancante probabilmente a causa di un precedente “contatto” con il margine destro dell’autostrada nonostante le numerose segnalazioni dei rallentamenti tempestivamente segnalati da tre pannelli a messaggio variabile e da un operatore che sbandierava a terra. E’ la ricostruzione ottenuta dall’AGI sulla dinamica del tragico incidente avvenuto sulla Bari-Napoli. A perdere la vita 39 persone (compreso l’autista).

Bus, irpinia, incidenteIl pullman della ditta “Mondo Travel” di Giugliano, e’ precipitato da un viadotto all’altezza di Monteforte Irpino dopo aver sfondato il guardrail. A bordo anziani, adulti e bambini partiti tre giorni fa per un pellegrinaggio a Loreto con tappa, nella serata di sabato, a Telese Terme. Nel fascicolo aperto dalla Procura di Avellino per omicidio colposo plurimo e disastro “ci sono indagati”, conferma il procuratore Rosario Cantelmo e all’AGI sottolinea che si sta “valutando tutto, ogni cosa. Poi ne parleremo”, rispondendo anche se al vaglio degli inquirenti vi sia la posizione di Autostrade. “Dobbiamo valutare – insiste Cantelmo – non posso entrare nei dettagli, stiamo valutando tutte le possibilita’. E’ ancora presto per farsi un’idea chiara, abbiamo delle attivita’ in corso, non posso dire altro”. Cantelmo conferma che la gita era costata in tutto 120 euro e che il bus “non era obsoleto. La presenza di un secondo autista dipende dalla distanza e non era questo il caso”. La procura di Avellino ha anche sequestrato le immagini riprese dalle telecamere fisse di Autostrade per l’Italia lungo il tratto autostradale interessato all’incidente per chiarire la dinamica e forse le cause dell’accaduto. Per domani, giorno nel quale si svolgeranno i funerali a Pozzuoli delle vittime, e’ stato deliberato dal Consiglio dei ministri, lutto nazionale. Il presidente della Repubblica in un messaggio inviato al governatore della Campania, Stefano Caldoro, parla di una “sciagura inaccettabile” che “richiama tutti, istituzioni e cittadini, a un piu’ tenace impegno per la sicurezza stradale e impone ogni iniziativa utile a ridurre i fattori di rischio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.