Beppe Fiorello, nei panni di Modugno, torna al Teatro Diana

NAPOLI (di Gennaro Auricchio) Torna a Napoli Beppe Fiorello con il suo spettacolo “Penso che un sogno così”.

Da martedì 8 dicembre fino a domenica 13 dicembre, l’attore siciliano ritornerà sul palco del Teatro Diana per portare in scena il suo personale tributo a una delle voci più amate della musica italiana di tutti i tempi, Domenico Modugno.
“Volare la grande storia di Domenico Modugno” è il nome della miniserie di successo andata in onda su Rai 1 (10.099.000 spettatori e 34,21% share ) che ha consacrato Beppe Fiorello come attore totale e che ha poi contribuito alla creazione di questo spettacolo teatrale scritto dallo stesso Fiorello e dallo sceneggiatore Vittorio Moroni.

Beppe Fiorello
Beppe Fiorello

Non è la prima volta che lo spettacolo va in scena al Diana, successe anche nell’aprile del 2014 con un grandissimo successo di pubblico e di critica che ha poi spinto la direzione artistica del teatro a credere ancora in questo progetto.

“Modugno per me non è stato solo una storia da raccontare o un personaggio da interpretare, ma la possibilità di ritrovare un tempo lontano rimasto sempre dentro di me”. Beppe Fiorello

Uno dei meriti enormi di questa produzione è stato sicuramente il fatto che è riuscito ad avvicinare a quel tipo di musica tantissimi giovani che ora sanno finalmente chi è Domenico Modugno. Continuare a diffondere le canzoni del cantautore nato a Polignano a Mare significa tenere in vita una grossa parte della tradizione musicale del nostro Paese che con i suoi successi riuscì a farsi apprezzare e riconoscere in tutto il mondo. Le canzoni di Domenico Modugno hanno avuto la capacità di suggellare in musica e parole un’epoca storica ben definita, un’epoca fatta di speranze e disillusioni, di grandi contraddizioni e di grandi movimenti politici e sociali e che tutt’ora ci sembra di rivivere ogni volta che ascoltiamo un suo successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.