Alla scoperta di Edimburgo e del suo celebre castello

(di Luca Vitiello) – La splendida capitale scozzese, Edimburgo, può essere idealmente divisa in due parti: Old Town e New Town. Nella zona “vecchia”, che è la più interessante da un punto di vista turistico, tutto si svolge intorno all’arteria principale di High Street, una lunga strada, parte del più noto Royal Mile.

EdimburgoIl Royal Mile, in realtà, è il nome dato ad una serie di strade che si susseguono e che segnano il percorso che va dal palazzo di Holyroodhouse, residenza ufficiale della Regina quando si trova in Scozia, fino al celebre e caratteristico castello che dall’alto della sua collina offre una vista mozzafiato sulla città e sulla strada simbolo della parte moderna: Princes Street. Lungo il Royal Mile, poi, si aprono tutta una serie di closes, letteralmente vicinati, costituiti da stretti passaggi che conducono a caratteristici cortili interni dove l’anima gotica di Edimburgo è pulsante e contribuisce a rendere l’atmosfera particolarmente suggestiva.

Da non perdere una visita della Cattedrale di St. Giles, una splendida chiesa medievale, principale luogo di culto a Edimburgo. Con oltre 900 anni di storia alle spalle, essendo stata costruita sui resti di una precedente chiesa normanna del 1120, è famosa anche per essere il luogo in cui John Knox promulgò e guidò la riforma della chiesa presbiteriana scozzese.

Simbolo indiscusso resta comunque l’antico castello, costruito a più riprese a partire dal XII secolo sulla collina vulcanica di Castle Hill. Al suo interno sono conservati gli Honours of Scotland, i più antichi gioielli della corona presenti nelle isole britanniche, e la leggendaria Pietra del destino, venerata come una reliquia santa, sulla quale sono stati incoronati tutti i reali scozzesi e che si narra risalire addirittura a Giacobbe. Da non perdere una visita della Sala Grande, la Great Hall, risalente al 1500. E se alle 13 sentirete l’eco di un cannone, non abbiate paura si tratta del cannone a salve che ogni giorno risuona dal bastione, un tempo usato per segnalare l’orario alle imbarcazioni nello stretto di Forth, oggi tradizione attesa dalle migliaia di turisti che visitano Edimburgo ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.