“Cinema al castello 2010”, premiato il film “La sera della prima”

L'attrice Paola Casella

NAPOLI (di Lucilla Nele) – Si è chiusa martedì 21 settembre la rassegna cinematografica “Cinema al castello 2010”, rassegna nata dalla collaborazione tra l’Associazione Napolicinema e la Soprintendenza Speciale per il PSAE e per il Polo Museale di Napoli. Ingredienti della serata: premiazione de “La sera della prima” di Loretta Cavallaro con Francesco Tripodi e Paola Casella come miglior lungometraggio ( film spontaneo, divertente e frizzante a detta della giuria composta da studenti universitari), panoramica sui film in uscita il prossimo inverno che hanno scelto Napoli come location, trailer, interventi di numerosi personaggi di spicco del cinema partenopeo e tante curiosità. Più di cinquecento gli ospiti in sala ad onorare l’evento e tanti i commenti sulla poca pubblicizzazione della manifestazione, che, contando sulla formula “temi interessanti ed ingresso gratuito”, avrebbe potuto catturare molte più persone.

Tra i film presentati sono stati evidenziati quelli che hanno sfilato recentemente anche alla mostra del cinema di Venezia, dando lustro alla nostra città ed ai suoi indimenticabili scenari, grazie alla scelta di temi eclettici e delle più disparate location. E dunque sotto i riflettori di quest’ultima serata “Gorbaciof” di Stefano Incerti con Toni Servillo, “Into paradis” (reduce da 14 minuti consecutivi di applausi a Venezia)primo lungometraggio della regista Paola Randi ed interpretato da Peppe Servillo, “Il loro Natale” di Gaetano di Vaio ed infine “Passione” del celebre regista-attore italo-americano John Turturro.

Momento particolarmente affascinante quello dedicato al film “Passione”, in uscita prossimamente nelle sale italiane e non solo. “ “Passione” è un film emozionante che avrà certamente un forte impatto in tutto il mondo.” Questo il commento dei critici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.